0 0
Baba’

Condividi sui Social Network:

oppure copia e incolla questo URL

Aggiungi a Preferiti

Devi loggari o registrarti per poter aggiungere questa ricetta al tuo ricettario!

Baba’

Presentazione

il Baba’! 


è uno di quei dolci della tradizione napoletana -beneventana ( per adozione ) che non può mancare…
è il mio confort food tramandato da mamma in figlia ,da nonna  a nipote..anche lo stampo è quello di mia nonna…che belle domeniche tutti intorno ad una tavola con pasta fatta in casa il sugo della domenica ,il pollo al forno ,o l’arrosto con le patate e i Dolci ! i Dolci tra baba’ ,ciambelle ,biscotti era sempre festa! riporto le sue dosi…..e una cosa lei MIA Nonna ogni volta che infornava un lievitato ..si faceva il segno della croce ,io la guardavo sbigottita!pero’ che bei ricordi e ce ne sono tanti altri ancora ,lei ha vissuto in belgio mia mamma e le mie zie sono cresciute a Namur ( Belgio ) percio’ di ricette ce ne sono di italo -belga!Grazie nonna 
ingredienti poveri che con una bella mano esperta diventano un Capolavoro come il Baba’


partecipo al contest:
ingredienti:

350 gr di farina manitoba Molino chiavazza ( ma lei usava la classica 00 )poi dipende dalla farina poco più poco meno .
4 uova
110 gr di burro ( io vallè )
50 gr di zucchero
10 gr di acqua
20 gr di lievito

per la bagna:
800 gr di acqua
300 gr di zucchero
300 gr di rhum ( strega )

fare un lievitino con l’acqua il lievito 20 gr di zucchero e 50 gr di farina  farlo riposare per 2 ore…
aggiungere tutti gli altri ingredienti tranne il burro, incordarlo a mano come si faceva una volta…ebbene si non ho usato nè bimby nè impastatrice ^-^ le mani !
mettere a lievitare nel suo stampo precedentemente imburrato ed infarinato infornare a 180 ° per 30 minuti io manaccia un pò in più e sotto si è colorito troppo…
preparare la bagna :mettere a bollire acqua e zucchero per 15 minuti aggiungere il rhum e far raffreddare….mettere il baba’ in un recipiente alto ed iniziare a bagnarlo finche’a ssorbe tutto il liquido .una volta pronto guarnirlo a piacimento ….
ho lavorato l’impasto come faceva la mia nonna il sabato sera per la domenica….davvero un confort food da oscar per me ! anche da piccola adoravo il baba’ e al rhum se mia nonna a noi bambini lo faceva ( anzi faceva i piccolini ) con la bagna analcolica acqua ,zucchero e limone io preferivo quello tradizionale ! peccato che questa volta è uscito troppo colorito …bastava qualche minuto in meno …ma anche questo fa parte del gioco della pasticceria casalinga tutto puo’ capitare 
qualche passaggio!
partecipo al contest:
Contest Il brutto anatroccolo – Scade il 6 Febbraio


precedente
cookie tradizionali
successivo
spinacino di vitello farcito su crema al latte zucchine e carote

21 Commenti Nascondi Commenti

Ciao eccomi da te, che bel blog :-) ma sai che anche mia madre quando fa un lievitato si fa il segno della croce? Che bontà questo dolce e che bello portare avanti le tradizioni :-)

favolosa questa ricetta….come anche le ricette del tuo blog….io mi sono iscritta tra i tuoi sostenitori…..passa a trovarmi se ti va e fai altrettanto…ti aspetto…..stefy

Scrivi un tuo commento