• Home
  • Pasta - Riso & Cereali
  • Sartu’ Di Riso Alle Polpettine Di Maiale Nero Casertano ,Asparagi e Bufala con Salsa Al Profumo D’Amalfi #mtc65

Sartu’ Di Riso Alle Polpettine Di Maiale Nero Casertano ,Asparagi e Bufala con Salsa Al Profumo D’Amalfi #mtc65
Riso - Cucina Campana - Piatti Unici - Sartù

0 0
Sartu’ Di Riso Alle Polpettine Di Maiale Nero Casertano ,Asparagi e Bufala con Salsa Al Profumo D’Amalfi  #mtc65

Condividi sui Social Network:

oppure copia e incolla questo URL

Ingredienti

per il riso
420 g riso carnaroli
1 carota
1 cipolla
1 sedano
2 lt Acqua
3 cucchiai parmigiano reggiano
q.b. sale integrale fino
20 g Burro
q.b. olio extravergine
q.b. pangrattato per lo stampo
per il ripieno
600 g asparagi
1 cipollotto fresco
q.b. olio extravergine
350 g mozzarella di bufala
per le polpettine
500 g macinato di maiale maiale nero casertano
1 uovo
q.b. farina per ifarinare
2 cucchai parmigiano reggiano
per la salsa al limone
1 lt Latte
3 cucchiai Farina 00
60 g Burro
1 scorza di limone
5 g Sale

Aggiungi a Preferiti

Devi loggari o registrarti per poter aggiungere questa ricetta al tuo ricettario!

Tipo di Cucina:
    • Medio

    Presentazione

     

     

    DSC_4109

     

     

     

    Mi Mette ansia solo a scrivere il nome della vincitrice dello scorso Mtc 

    Marina , ” Mademoiselle Marina  ) io immagino Marina una foodblogger Chic , un po’ sofisticata con una classe ed eleganza nel cucinare

    in realtà è cio’ che vedo dalle sue foto dei piatti che presenta

    una classe un po’ vintage che mi incanta

    Sono Arrivata all’ultimo giorno ( oggi 25 c.m. che scrivo domani riesco a caricare le foto la pizzeria mi aspetta anche oggi che per i comuni mortali e’ festa )

    Se la capa avesse messo u’altro giorno in più per postare state pur certi che sarei stata sempre l’ultima ….

     

    DSC_4111

    Marina i propone una bella sfida questo mese ed io che sono campana non posso non amare il Sartù

     

    unnamed

     

    DSC_4106

     

     

    DSC_4113

    Ho optato per la versione bianca , il sartù classico è più di casa da noi ( anche se quotidianamente lo facciamo nel “ruoto ” )

    ho usato due prodotti tipici campani come il carne di maiale nero di caserta e la mozzarella di bufala

     

    DSC_4104

     

    DSC_4112

     

     

    DSC_4106

    difficilmente nei miei piatti non metto la tradizione e se questo mese c’era il divieto  ” …..#questomianonnalofacevacosi ” io ho fatto la mia versione bianca un tocco nuovo su un piatto della tradizione

    Il Riso cotto  risottato con un brodo leggero mantecato con del burro e formaggio parmigino

    per il ripieno ho usato degli asparagi ( peccato che le mie gemelle sono andate oggi per asparagi selvatici della nostra zona e stasera una bella pappardella di mezzanotte )

    cotti con un cipollotto e olio extravergine

    per le polpette ho usato macinato di maiale nero casertano insaporite con formaggio parmigiano senza pane e un po’ di latte e uovo

    come legante una mozzarella di bufala da 250 g messa a sgocciolare per 6 ore

    Il Sartu’rientra nella  lista del cibo #confort food

     

    DSC_4105

    Preparazione

    1
    Fatto

    Preparazione Risotto

    in un tegame mettere l'olio , aggiungere io riso farlo rosolare pochi secondi e man mano bagnarlo con il brodo messo a fare con la carota,il sedano e la cipolla

    2
    Fatto

    una volta pronto il risotto aggiustare di sale e mantecare con il burro ed il parmigiano

    3
    Fatto

    preparazione delle polpettine

    in un boule insaporire la carne con l'uovo ed il parmigiano
    senza sale ( per me è meglio cosi si sente tutto il sapore della carne )
    formare delle polpettine infarinale e friggerle in abbondante olio di semi di girasole

    4
    Fatto

    Preparazione Asparagi

    lavare e tagliare gli asparagi mettendo da parte qualche puntarella da lessare ed insaporire per la decorazione .
    in una padella mettere gli asparagi coprirli d'acqua e farli cuocere finche' l'acqua non viene assorbita .
    aggiungere l'olio extravergine , il cipollotto tritato e il vino bianco
    una volta sfumato il vino aggiustare di sale e continuare la cottura e se serve aggiungere u po' d'acqua .

    5
    Fatto

    Composizione

    Imburrare e passare con il pangrattato uno stampo conico
    aggiungere il riso compattando all'interno
    ricavando spazio al centro per la farcitura

    6
    Fatto

    fare uno strato di asparagi inserire le polpettine
    la mozzarella di bufala precedentemente sgocciolata
    altri asparagi e chiudere con il riso rimanente
    cospargere di pangrattato ed infornare a 220°
    per
    45 min.

    7
    Fatto

    Preparazione della salsa

    in una casseruola versare il latte ed il burro con il sale

    una volta sciolta il burro aggiungere in un solo colpo la farina aromatizzata con la scorza di limone
    cuocere affinchè si addensa circa 8 minuti

    8
    Fatto

    Per servire

    Una volta intiepidito il sartu'
    sformarlo e servire con la salsa al limone.

    DSC_4114
    precedente
    Brioche Salata Soffice -Morbidissima
    DSC_4106
    successivo
    Ciambella Al Cioccolato All’ acqua integrale ( con farro e kamut )

    4 Commenti Nascondi Commenti

    Ma che parole che si leggono su questa pagina !! Grazie mille ma ansia no, ti prego…certo, se la Van Pelt mi da il frustino mi trasformo ma lo faccio per il,bene comune 😂 hai fatto un sartu bellissimo e elegante…trovo che il limone, se usato con discrezione ovviamente, riesca sempre a trasformare e a ingentilire una preparazione apparentemente semplice ma bisogna saperlo usare…per chi è cresciuto circondato dagli agrumeti viene naturale però !

    oh, finalmente riesco a commentare, Veronica, che son piu’ le volte che brancolo come un’anima in pena … Intanto, grazie per arrivare ogni volta, anche all’ultimo. Sei di una bravura stellare, unita ad una fantasia, una creativita’, una conoscenza dei prodotti che mi lasciano ogni volta strabiliata. Esattamente come succede per questo sartu’, che e’ uno scrigno di profumi e sapori tutti da scoprire, presentati con un’eleganza degna di Marina (che e’ esattamente come hai descritto, elegante, raffinata- e con un senso dell’umorismo pungente e tremendo :) e una esecuzione perfetta. Brava, brava, brava!

    Scrivi un tuo commento